Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri

9 Flares 9 Flares ×

Sperando di non annoiarvi mortalmente, ho estrapolato 7 punti per descrivere la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri di Pisa…
Chiesa_Santo_Stefano_Cavalieri_Pisa_head1
Vi state già annoiando, vero?

1. La costruzione

La chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri di Pisa è stata edificata tra il 1567 e il 1569 su progetto di Giorgio Vasari.
La costruzione rientrava nel piano complessivo di ristrutturazione della Piazza dei Cavalieri (di cui abbiamo già parlato più volte), voluto dal Granduca di Toscana Cosimo I de’ Medici.
Per far spazio al nuovo edificio, fu agilmente distrutta la chiesa romanica di San Sebastiano alle Fabbriche Maggiori (già attestata nei documenti del 1074), che prendeva il nome dalle antiche fucine che sorgevano nella zona.

Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisa - Fonte: wikipedia

2. La facciata

Per la facciata, realizzata in marmo di Carrara, fu scelto il disegno di Don Giovanni de’ Medici, figliastro del granduca Cosimo I. Il suo progetto venne preferito a quello del Vasari… si trattava forse di nepotismo? chissà…

3. I dipinti importanziosi

Natività del Bronzino nella chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisa - Fonte: wikipedia

Lapidazione di Santo Stefano di Giorgio Vasari - Fonte: WikipediaNella chiesa sono conservate numerose opere d’arte di stupenda fattura.
Meritano un’attenzione speciale La Lapidazione di Santo Stefano di Giorgio Vasari del 1571 (solitamente il dipinto è collocato nell’ala destra della chiesa, ma ultimamente è stato spostato nella sala principale, a sinistra dell’altare maggiore) e la Natività di Cristo del Bronzino del 1564 (nell’ala sinistra). [Foto: fonte wikipedia]

4. Il soffitto ligneo

Soffitto ligneo nella chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a PisaSicuramente, uno degli elementi più preziosi di questo edificio è il soffitto ligneo; questo fu intagliato e dorato nel 1604 dal maestro Bartolomeo Atticciati.
L’opera include sei dipinti su tavola che raffigurano altrettanti episodi civili e militari dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano.
I dipinti sono stati realizzati dai principali artisti fiorentini legati al casato dei Medici.
Partendo dall’ingresso della chiesa troviamo:

  • L’espugnazione della città di Prevesa (in Grecia) di Jacopo Logozzi;
  • la presa della città di Bona di Jacopo Chimenti (detto l’Empoli);
  • la Vittoria nell’arcipelago greco sempre dell’Empoli;
  • l’Imbarco di Maria de’ Medici a Livorno di Cristofano Allori;
  • il Ritorno della flotta dalla battaglia di Lepanto del Ligozzi;
  • la Vestizione di Cosimo I de’ Medici di Ludovico Cardi detto il Cigoli.

5. Le bandiere ottomane

Panorama della chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisa
La chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri è adornata con numerosi trofei di guerra.
I più preziosi sono le bandiere conquistate dalle navi turche durante i ripetuti scontri navali. Si tratta di una collezione di vessilli realizzati tra il XVI e il XVIII secolo!

6. I frammenti di nave

frammenti dell'imbarcazione nella chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisaframmenti dell'imbarcazione nella chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a PisaAccanto all’ingresso della chiesa (sulla controfacciata) e sulla parete destra, non potrete fare a meno di ammirare la potenza espressiva dei frammenti in legno policromo di una nave da parata del XVII secolo. Questi rappresentano animali, armi e schiavi turchi.

7. Gli organi

Dalla sua costruzione, la chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri ha ospitato ben quattro organi. Due sono ancora visibili e in funzione. Vi suggerisco di dare un’occhiata alle fonti per approfondire al riguardo… sennò poi dite che sono noioso!

A onor del vero, ci sono un sacco di cose su cui ho taciuto…
vi suggerisco di leggere le fonti!

E ora beccatevi un po’ di foto…

Fonti:

Wikipedia

 

9 Flares Twitter 2 Facebook 3 Google+ 0 Pin It Share 3 LinkedIn 1 9 Flares ×
9 Flares Twitter 2 Facebook 3 Google+ 0 Pin It Share 3 LinkedIn 1 9 Flares ×